La qualità a scuola

1. Dare più formazione e più professionalità nell'ambito di una matura coscienza europea.

Elemento centrale nel processo educativo al Tron è la trasformazione dei contenuti appresi nel possesso criticamente rivissuto degli stessi, trasformando, nei limiti del possibile, le informazioni apprese in competenze stabilmente maturate. Per intenderci: uno studio liceale, per di più ad indirizzo scientifico, deve dare a chi studia la possibilità di conoscere, far propri e saper partecipare agli altri le conoscenze fondamentali delle discipline apprese nella chiara avvertenza dei tempi che stiamo vivendo. Una forte coscienza della propria identità, in quanto persone libere e responsabili ben radicate nella propria terra natia (da conoscere e da amare) proietta lo studente nella nuova Europa che sta nascendo e di cui deve sentirsi parte attiva, sapendo che soltanto nella esaltazione e nel rispetto profondo delle diversità europee esistenti si costruisce il dialogo, la collaborazione e in una prospettiva non lontana, la coscienza di appartenere all'Europa che va oltre la semplice vocazione ma diventa prassi quotidiana. Essere veneti, essere italiani, essere europei orgogliosi della propria cultura e della propria civiltà non è cosa di poco conto.

2. Aumentare gli standard dei risultati scolastici.

Per raggiungere questo livello coscienziale alto vanno incrementati gli standard scolastici; ciò deve avvenire non solo e non tanto, attraverso un aumento quantitativo delle nozioni apprese, ma come già detto attraverso la loro trasformazione in patrimonio culturale, motivato ed esplicitato con le cosiddette competenze.

3. Incrementare il successo scolastico.

Un processo educativo siffatto non è in contraddizione con l'innalzamento del successo scolastico; infatti un insegnamento che fonda se stesso sulla motivazione dello sforzo, sulla comprensione e sulla interiorizzazione critica delle nozioni apprese, facilita l'impegno, ne giustifica le finalità, rende più umani i rapporti interpersonali. Tutto ciò è condizione fondamentale per un pieno e maturo successo scolastico.

4. Attivare metodologie per superare latteggiamento diffuso dello studio-subito, passivo.

In armonia con quanto precedentemente indicato, verranno attivate metodologie che rendano lo studente elemento attivo, centrale nel processo educativo superando una impostazione didattica di tipo "magistrale ex-cathedra" che porta inevitabilmente ad un lavoro passivo, in ogni caso non creativo. In questo ambito la stessa aderenza all'ambiente nel processo educativo facilita motivazioni e stimoli conoscitivi altrimenti problematici.

5. Essere luogo di socializzazione nel quale lo studente esalta la propria identità.

Esaltazione della propria identità e socializzazione procedono in armonia giusto in rapporto al clima scolastico instaurato ed a una forte motivazione dello sforzo educativo. La realizzazione al Tron, con l'apporto determinante degli studenti di momenti culturali e ri-creativi, extra curriculari permettono da un canto la realizzazione delle vocazioni individuali senza l'assillo valutativo, dall'altro favoriscono il processo di socializzazione che va oltre quello normalmente costruito all'interno della propria classe.

6. Progettare percorsi il più possibile flessibili che aiutino ad ottenere il successo per lo studente (ambito apprendimento) e per il docente (ambito insegnamento).

L'affermata centralità dello studente comporta l'insistita sottolineatura della individualizzazione nell'insegnamento che dovrà perciò modulare se stesso attraverso non solo metodologie differenziate ma anche con chiare indicazioni di obiettivi e contenuti differenziati. Ciò che va sotto il nome di flessibilità indica proprio questo: diffusa articolazione delle modalità di apprendere e di insegnare, coscienza dei risultati conseguiti e degli obiettivi da raggiungere, definizione dei tempi da percorrere. In questo ambito appare perciò di fondamentale importanza lo strumento valutativo e autovalutativo sia da parte degli studenti che degli insegnanti.

7. Offrire strumenti in grado di esaltare la creatività degli studenti.

Come già ampiamente sottolineato il Tron intende essere una officina humanitatis e pertanto privilegia tutti quei momenti che esaltano la creatività dei giovani. I numerosi progetti extra curriculari che vedono parte attiva anche nella fase di costruzione degli stessi, mettono in luce la ricca umanità della gioventù locale. Nei fatti tali iniziative non rappresentano una sorta di evasione educativa ma il completamento e la maturazione di un processo di crescita culturale e umana. Non è assolutamente enfatico sottolineare come tali attività, che hanno come detto al centro gli studenti, rappresentano uno strumento assolutamente irrinunciabile nella costruzione della personalità degli allievi.

 

D O C U M E N T I

MANUALE DELLA QUALITA'

PROCEDURE DI SISTEMA

PROCEDURE OPERATIVE

MODULISTICA

KNOWLEDGE BASE

Sei qui: Home Il Tron Didattica La qualità a scuola